22.3.09

Bologna, infranto il divieto a manifestare



L'ordinanza del 18 febbraio, che vieta le manifestazioni dalle 14 del sabato fino a tutta la domenica applicata sperimentalmente fino al 30 settembre, oggi è stata infranta da mille persone. Dimostrando tutta la sua assurdità e sostanza liberticida di altri tempi.

L'iniziativa lanciata da 100 lavoratori e lavoratrici, dai sindacati di base RdB e Cobas, dai centri sociali della città di Bologna Laboratorio Crash!, Vag61 e Xm24 e da altre individualità ha portato in piazza Nettuno prima ed in corteo dopo circa 1000 persone.

Il Presidio inizia in Piazza Nettuno alle 15,30 con circa 300 persone fra studenti lavoratori e lavoratrici e semplici solidali. Decine di poliziotti e carabinieri delimitavano i punti di accesso alla piazza.
Dalla piccola amplificazione venivano spiegati i motivi dell'iniziativa che vedono via Indioendenza, Ugo Bassi, Rizzoli, e Piazza Maggiore off limits ad ogni manifestazione politica.

Dopo circa un ora veniva comunicata agli organizzatori l'ordine di liberare la piazza. Ma le presenze continuavano a salire e la reale volontà è quella di andare a manifestare fin sotto la Prefettura che si trova a poche centinaia di metri dal presidio. Alcuni lavoratori seguiti da tutta la piazza provano ad uscire ma tutti i punti di accesso sono bloccati da polizia e carabinieri con i loro rispettivi automezzi parcheggiati a mo di recinsione. Più volte si vede un fronteggiamento ma non c'è ancora la volontà di forsare. Intanto le presenze aumentano arrivano artisti e musicisti di strada, e di fatto risulta quasi impossibile per le forze dell'ordine confinare e delimitare il presidio.

Alle 17,15 circa in molti al coro di "corteo corteo" provano nuovamente ad uscire e forzare il cordone della polizia. In quel momento però giungono altri manifestanti che immediatamente dietro alla Polizia aprono uno striscione con su scritto "Libertà di Lotta" e bloccano il traffico in via Rizzoli. L'angola fra via Indipendenza, Ugo Bassi e via Rizzoli è bloccato. Piazza Nettuno stracolma. Il divieto a questo punto risulta infranto nel modo più forte possibile. Diventando agli occhi di tutti tanto imbarazzante quanto liberticida. Comunque non manca certo il tempo per alzare qualche manganello, nel folle tentativo di bloccare l'imbloccabile. Qualche manganello che non ha intimorito per niente i manifestanti che di fatto non si sono mossi di un metro.

Non più piazza Roosvelt dove si trova la Prefettura, ma piazza Verdi in zona universitaria. Dopo essere riusciti a superare tutte le barriere e cordoni della Polizia alle 17,45 circa i mille manifestanti si dirigono in corteo in Piazza Verdi.

Una grande giornata di lotta per riprendersi rompere questo divieto infame, che in questo periodo di crisi cerca di tappare la bocca a quanti Lavoratori, e studenti continuanao a dire "Noi la crisi non la paghiamo".

Fonte: Infoaut

VERGOGNATEVI!!!
COME VI PERMETTETE DI DISTURBARE LO SHOPPING DEL SABATO POMERIGGIO???

5 commenti:

alexilgrande ha detto...

E' sicuro che oggi tutti i nostri TG la diranno sta cosa.



oooooohhhhhhhhhhh

pierprandi ha detto...

Hai proprio ragione vecchio mio, non c'è rispetto per lo shopping... Hasta siempre

loris ha detto...

riconquistiamoci le piazze!!!!

Andrew ha detto...

come darti torto, hai proprio ragione aride...
buona settimana

@ alex: non credo proprio!

Riccardo Di Palma ha detto...

Il 28 marzo a Roma si replica la forzatura....secondo me èd'obbligo.